agenzia delle entrate Archives - Archtools
SISTER come inviare un DOCFA
spedire
SISTER come inviare un DOCFA

Tempo medio di lettura 2 minuti.

Come abbiamo visto nell’articolo “Cos’è il DOCFA quanto costa e dove si presenta ” dal 01 giugno 2015 gli atti di aggiornamento catastale devono essere trasmessi telematicamente.

Il portale dell’Agenzia delle Entrate dedicato a questo servizio è il SISTer (Sistema Territorio). Nato negli anni ’90 era dedicato esclusivamente alla consultazione delle banche dati ma dal 2005 è stata attivata la procedura di invio telematico per la trasmissione delle pratiche DOCFA e PREGEO.

Oggi il portale si divide in diverse sezioni:

  • Consultazione delle banche dati catastale e ipotecaria;
  • Richieste di estratto di mappa catastale per aggiornamento;
  • PREGEO;
  • DOCFA;
  • Richiesta di planimetrie catastali degli immobili.

Possono accedere al servizio di presentazione telematica dei documenti i notai e i professionisti iscritti all’ordine/albo (architetti, geometri, ingegneri, etc.).

PROCEDURA INVIO PRATICA DOCFA

Prima di iniziare si consiglia di firmare digitalmente il file .pdf esportato dal software DOCFA.

Iniziamo:

  1. Vai al sito SISTer e inserisci le tue credenziali (codice fiscale e password)
  2. procedi cliccando “Presentazione documenti” sul menù a sinistra
    Sister-home
  3. Docfa
    Sister-presentazione-documenti
  4. Questa pagina da accesso a quattro servizi:
    1. Invio nuovo documento“. Permette la presentazione della pratica DOCFA;
    2. “Ricerca correlazione fogli”. Indispensabile nei Comuni in cui non c’è corrispondenza tra i foglio del catasto terreni e il catasto  fabbricati;
    3. “Prenotazione subalterni” Utile per non farsi “fregare” i numeri dei subalterni disponibili;
    4. Ricerca documenti inviati“. Per  visualizzare l’elenco delle pratiche inviate e per controllare lo stato di elaborazione della pratica.
  5. Eccoci al punto saliente della procedura di invio:
    1. Identificativo pratica“: inserisci il nome della pratica al fine di distinguere il DOCFA;
    2. Tipo“: Scegli se si tratta di una pratica di “accatastamento” o “variazione“;Sister-tipo-pratica
    3. Seleziona la Provincia di ubicazione dell’unità immobiliare oggetto della pratica;Sister-provincia
    4. Scegli il deposito controllando di avere la disponibilità per la presentazione;Sister-deposito
    5. Indica quante unità vengono costituite o variate facendo attenzione alla categoria. Ricordo che le categorie A, B, C e F pagano 50 € cadauna mentre D ed E pagano 100 € cadauna. Attenzione se la pratica è in esenzione, come ad esempio la “variazione toponomastica”, indicare “zero”.
    6. A meno che non ci siano allegati da inserire o ravvedimenti onerosi da versare, scorri in fondo e clicca “Avanti“.
  6. Siamo arrivati alla fine della procedura. La pagina mostra inizialmente un riepilogo dei dati precedentemente inseriti e ci da la possibilità di caricare il nostro DOCFA. Fai attenzione a selezionare il file firmato (quello con estensione .pdf.p7m). Se necessario scrivi delle note e/o carica gli eventuali allegati. Quindi scorri in fondo e clicca su “Conferma“.Sister-riepilogo

Il DOCFA è stato trasmesso.

A questo punto si aprirà un riepilogo del documento inviato. Aspetta qualche minuto e verifica che la pratica non venga scartata automaticamente dal sistema.

L’Agenzia delle Entrate ha 3 giorni lavorativi per controllare la pratica ma generalmente da una risposta già il giorno successivo.

CONCLUSIONE

Come abbiamo visto trasmettere un DOCFA tramite SISTer non è particolarmente difficile anche se nelle varie casistiche potreste riscontrare alcuni intoppi ma nulla di così invalicabile.

light-red
Quando NON è necessario presentare un DOCFA?

Tempo medio di lettura 3 minuti.

Come abbiamo visto nell’articolo precedete “Cos’è il DOCFA quanto costa e dove si presenta” un’unità immobiliare deve essere accatastata quanto viene realizzata o modificata. L’intestatario deve, entro 30 giorni dalla data di fine lavori, presentare l’atto di aggiornamento redatto da un tecnico abilitato.

L’omessa presentazione del DOCFA, quando prevista nei casi di legge, comporta l’applicazione di sanzioni amministrative da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Quando NON è necessario presentare un DOCFA?

Le norme in materia di catasto vengono descritte dal Decreto del Ministero delle Finanze n. 28 del 1998 ma semplifichiamo un pò le cose.

Un’unità immobiliare va iscritta al catasto quando ha potenzialità di autonomia funzionale e reddituale.

Gli immobili che non hanno queste caratteristi e quindi non è necessario accatastali sono sei:

1. Manufatti con superficie coperta inferiore ad 8 metri quadri

Eccetto agli immobili con superficie coperta inferiore a 8 mq che sono pertinenze di altre unità di categoria ordinaria o speciale. Devono quindi essere censiti all’interno della stessa unità i manufatti che sono pertinenza di abitazioni, negozi, magazzini, eccetera.

2. Serre adibite alla coltivazione e protezione delle piante sul suolo naturale

Manufatto che non produce un reddito e che ha le caratteristiche di una serra, ovvero trasparenza o semi-trasparenza totale.

3. Vasche per l’acquacoltura o di accumulo per l’irrigazione dei terreni

Come per il punto n.1, il manufatto non deve essere al servizio di un unità immobiliare principale.

4. Manufatti isolati e privi di copertura

Capita spesso, però, che questi immobili siano oggetto di un trasferimento di un diritto reale (compravendita, successione, eccetera) o di ricostruzione del fabbricato e che quindi sia necessario accatastarli come unità collabente (F2).

5. Tettoie, porcili, pollai, casotti, concimaie, pozzi e simili, di altezza utile inferiore a 1,80 m, purché di volumetria inferiore ai 150 metri cubi

Immobili ad uso esclusivamente agricolo e con una volumetria limitata.  Anche in questo caso sono esclusi i manufatti che sono pertinenze di altre unità di categoria ordinaria o speciale.

6. Manufatti precari, privi di fondazione, non stabilmente infissi al suolo

il manufatto è solo appoggiato a terra, senza fondazione e non ha potenzialità di autonomia funzionale e reddituale.

Immobili che devono essere censiti ma non hanno rendita catastale

Ci sono quattro tipologie di immobili che vanno censite al catasto ma non producono rendita catastale.

Vengono spesso (azzarderei, sempre) originate provvisoriamente al fine di traferire dei diritti reali.

1. Aree urbane (F1)

Sono porzioni o intere aree censite al catasto fabbricati che identificano una proprietà esclusiva.

2. Unità collabenti – costruzioni con un accentuato livello di degrado (F2)

Un fabbricato per essere censito come unità collabente non deve possedere i requisiti di agibilità e dev’essere fatiscente o fortemente lesionato.

Se il fabbricato è già stato censito ed è diventato collabente con il tempo, l’Agenzia delle Entrate chiede contestualmente al DOCFA una perizia giurata che certifichi lo stato di degrado dell’immobile.

3. Fabbricati o loro porzioni in corso di costruzione o di definizione (F3-F4)

Sono porzioni di fabbricati frazionati o incompleti dove i lavori risultano in corso o sospesi.

4. Lastrici solari (F5)

Sono superfici piane a copertura del fabbricato che necessitano di essere identificate esclusivamente.

RIASSUMENDO

Un immobile va accatastato all’Agenzia delle Entrate quando ha potenzialità di autonomia funzionale e reddituale, ovvero quando la sua funzione (residenziale, commerciale, direzionale, eccetera) è definita e produce una rendita.

Come è facile intuire sono limitati i casi in cui NON è possibile accatastare gli immobili.

catasto-napoleonico
LE ORIGINI DEL CATASTO

Catasto è una parola che evoca nei più una serie di complicazioni, un labirinto di leggi e burocrazia. La parola catasto ha invece un intento di ordine, deriva dal greco e significa riga per riga, a indicare l’intento di registrazione del territorio.
Perché l’uomo ad un certo punto ha sentito la necessità di creare il catasto?
Millenni fa gli esseri umani erano nomadi e senza organizzazione, il catasto non era di certo il primo dei loro pensieri! Gradualmente soddisfatti i bisogni di nutrirsi ed avere un riparo in cui vivere, si arriva a quelli che riguardano la collettività. E dove trovare i soldi per soddisfarli?
Da qui nasce la necessità che i beni della popolazione fossero registrati affinché si potesse capire quali introiti ed in che quantità si potessero prelevare. Testimonianze di registri e censimenti per tale uso sono stati rinvenute nell’odierno Iraq, in Egitto e in Grecia.

I ROMANI e IL MEDIOEVO

In Italia, i Romani, avevano creato le Tabulae Censuariae, dei registri per la catalogazione dei terreni e la loro destinazione, frutto di un ampio progetto che parte dalla centuriazione e che permise ai Romani di creare città e amministrare capillarmente le proprie dominazioni.

L’OTTOCENTO: NAPOLEONE e LA PRIMA LEGGE NAZIONALE

L’arrivo di Napoleone segnò una svolta sotto diversi fronti, tra cui quello catastale.
Nel 1807 ci fu una riorganizzazione del censimento catastale con la stesura di mappe molto precise e dettagliate tutt’ora importantissime per lo studio del territorio. Napoleone aveva capito come per governare bene un territorio bisognasse conoscerne le caratteristiche e il valore, possibile solo con un’accurata stesura di mappe e descrizioni.
A metà Ottocento con la graduale unificazione politica del territorio italiano si vede la prima legge ufficiale: la legge 14 luglio 1864, n. 1831, che vede come oggetto dell’imposta il reddito dominicale dei terreni, cioè il loro effettivo valore e l’eliminazione di privilegi ed esenzioni dei singoli Stati italiani, per lasciare liberi da tributi solo i cimiteri, i luoghi di culto ed i beni demaniali, cioè pubblici.

IL NOVECENTO

Dal 1901 l’evoluzione è rapida e continua. Quell’anno nasce la Direzione Generale del Catasto e dei Servizi Tecnici e col Regio Decreto n.1572 dell’ 8 ottobre 1931 abbiamo il Testo Unico delle leggi sul nuovo catasto, che pone le basi di quella che ancora oggi è la legge in vigore. Durante il periodo fascista ci saranno ulteriori perfezionamenti che porteranno alla diversificazione tra catasto dei terreni e di quello edilizio urbano, oltre a quello dei fabbricati del 1939.
Dall’1 dicembre 2012, è avvenuto il trasferimento delle funzioni, delle risorse umane, strumentali e finanziarie dell’Agenzia del Territorio all’Agenzia delle Entrate.

Possiamo così concludere capendo come per il Governo italiano la funzione catastale sia prioritariamente tributaria e legata alla necessità di prelievo di denaro dalla popolazione in base a quello che è la più antica delle proprietà, cioè il terreno e gli edifici che su di esso sorgono.

× Come possiamo aiutarti?
This site is registered on wpml.org as a development site.